02/08/17

Qui c'è da salvare l'umanità!


Oggi è l'Earth Overshoot Day, il giorno in cui l'umanità ha consumato tutte le risorse terrestri disponibili per il 2017, quest'anno cade il 2 agosto ed ogni anno questo drammatico giorno arriva sempre prima. Stiamo consumando il pianeta 1,7 volte più velocemente della capacità naturale dei servizi ecosistemici di rigenerarsi. Facendo un paragone con il nostro paese, per soddisfare la domanda degli italiani ci sarebbe bisogno di 4,3 "Italie".
Lo evidenzia il calcolo dell’organizzazione di ricerca internazionale Global Footprint Network. Queste frequenti informazioni scientifiche, sulla sesta estinzione di massa in corso, passano in secondo piano, mentre dovrebbe essere la priorità assoluta per gli stati ed i governi del pianeta. Questo sistema economico basato sul mero profitto e sul consumismo sfrenato non può più essere considerato! Non può esistere una crescita infinita in un pianeta con risorse finite. Accusano noi di demagogia? La loro è pura follia! Occorre invertire la rotta prima che il problema diventi irreversibile. Se si cominciassero a rispettare concretamente gli accordi sul clima, l'Overshoot Day si sposterebbe in avanti di quasi tre mesi.
Dobbiamo intraprendere la via dell'economia circolare e consumare molto meno risorse, visto che nel 2050 saremo 9,8 miliardi di persone. Abbiamo bisogno di un cambiamento netto: dai metodi peri produrre energia con fonti rinnovabili, al modo di spostarsi o di farlo meno. Per non parlare del modo di nutrire i popoli attraverso un agricoltura di prossimità e biologica, per ridurre il più possibile la CO2. Solo governi liberi possono fare scelte rivoluzionarie, non di certo personaggi che favoriscono lobbies e multinazionali del fossile. Occorrono quindi cittadini altrettanto liberi a portare avanti le giuste idee in prima persona. Noi non abbiamo un pianeta di riserva e, a dirla tutta, la priorità non è salvare il pianeta, nonostante l'indelebile ferita provocata dall'uomo continuerà a vivere e a rigenerarsi. La biodiversità della Terra è scesa al di sotto del 58%.
Qui c'è da salvare l'umanità!

0 commenti:

Posta un commento